Enjoy Your Town: epidemia culturale dal 26 marzo al 30 aprile a Imola

EytLa seconda edizione del festival di arti performative Enjoy Your Town si svolgerà dal 26 marzo al 30 aprile 2016 nel centro storico di Imola.
La data scelta non è casuale ma si tratta del mese che intercorre tra la giornata internazionale del teatro (27 marzo) e la giornata internazionale della danza (29 aprile). Tra le novità di quest’anno, il fatto che gli eventi saranno ospitati anche in aree private (case, giardini interni…), una sezione dedicata alle arti terapie e la vetrina per gli emergenti nell’ambito di danza, teatro arte di strada e circense.
Il festival è organizzato da Panta Rei Associazione di Liberazione delle Arti e Quintoveda, realtà artistica e culturale situata nel centro storico di Imola.
L’obiettivo del festival è proporre una vera e propria epidemia culturale all’interno della città. Arti performative che si insinuano tra la gente e nei luoghi che essa frequenta. Una invasione non solo nei luoghi tradizionalmente preposti alla cultura, ma anche, e soprattutto nei suoi non luoghi, affinché le persone possano incontrare casualmente arte e cultura e se ne possono appassionare. Dove, ancora più casualmente, può iniziare il percorso culturale di qualcuno, dove si può sviluppare un principio di cittadinanza, di appartenenza e condivisione rispetto ad uno spazio.
Un’idea di città che diventa comunità, che condivide e cresce.

Tra gli oltre 100 eventi in calendario, che si possono consultare nel dettaglio al sito del festival, performance teatrali e di danza, workshop, presentazioni di libri, letture per bambini e per adulti e tanto, tanto altro.

Ricordiamo in particolare:
Circopuntino sabato 30 aprile ore 21
Gregor e Katjusha rievocano il circo di una volta, quello di acrobati e saltimbanchi, in un clima molto coinvolgente e retrò.
Lo spettacolo mischia manipolazione e danza acrobatica con le scope, peripezie sulla ruota tedesca ed equilibrismi sulla giraffa con tre ruote.
È uno spettacolo di strada dai risvolti poetici e onirici, ma che non rinuncia a divertire con un finale infuocato coinvolgente.

Workshop di burlesque con Dee Amante (16 e 17 aprile ore 15-17-Quintoveda)
Per il piacere di piacersi. Unendo eleganza, ironia e seduzione; per stuzzicare la fantasia (in inglese “teasing”). Mettendo al bando ogni forma di volgarità.
La domenica, dopo il workshop, il burlesque entrerà in libreria con il Reading di letteratura erotica e spettacolo di burlesque (17 aprile ore 19.30- Libreria Mondadori).

Presentazione del libro Veduta di pianura con dame di Muriel Pavoni (12 aprile ore 21- Quintoveda)
Racconti liberamente ispirati alle vite di dieci donne partigiane che dal 1800 hanno contribuito alla storia del nostro Paese in qualità di attiviste (come Giuseppina Cattani, Maria Goia, Maria Luisa Minguzzi), staffette (come Ida Camanzi, Maria Margotti, Benilde Verlicchi), artiste che non declinarono al loro ruolo di fare la resistenza (come Cordula Poletti e Sonia Micela) o, ancora, maestre (come Maria Maltoni e Giovanna Righini Ricci). Vicende geograficamente collocate in Romagna.

Workshop teatrale con Matteo Belli (2 aprile ore 14-20.30, 3 aprile ore 9-15.30 – Quintoveda)
Un seminario aperto a chiunque voglia esercitare e migliorare la voce parlata e approfondirne alcune caratteristiche comunicative ed espressive, sia per ragioni di salute fisiologica, sia per accrescere le capacità individuali di utilizzo performativo.

Workshop Africa Dentro con Francesca Saloni (9 aprile ore 10.30-12.30, 10 aprile ore 14-16 – Quintoveda)
Un dialogo denso di energia tra il proprio corpo e la poliritmia dei tamburi, a cura di Francesca Saloni. Il workshop sarà tenuto con le percussioni dal vivo, a cura di Stefano Fabbri e Mauro Casadio. Al termine del workshop il gruppo di danza proseguirà assieme ai partecipanti con una parata danzante nel centro storico di Imola.

Workshop di Danza ButohCollettivo K e La Sangria Discreta (16 e 17 aprile dalle 14:00 alle 18:00-Quintoveda) e Spettacolo di danza Butoh sabato 16 aprile ore 21 piazza dell’Ulivo.
La danza butoh è una danza contemporanea originaria del Giappone, ma che è connessa a danze e rituali antichi che si possono ritrovare ovunque anche dentro di sé. Una danza di trasformazione, metamorfosi, che permette al corpo fisico di rispondere a ciò che lo circonda, trascendendo le convenzioni.

Workshop di Teatro comico con Massimiliano Buldrini e Paula Noelia Cianfagna (sabato 23 e domenica 24 aprile – Quintoveda)
Attraverso giochi, esercizi e un po’ di storia si esploreranno le caratteristiche di base comuni e le differenze che nell’arco di secoli e decenni hanno fatto distinguere per esempio la maschera di commedia dell’arte dal clown, il teatro di rivista dal cabaret e tanti altri.

La Fucina Incantata sabato 23 aprile ore 21 Giardini di S. Domenico a cura di Le Fucine Vulcaniche.
Spettacolo di arte di strada ispirato al tema degli alberi e alla loro connessione con la vita.
Delle letture suggestive accompagneranno il pubblico in un viaggio visivo e sonoro attraverso perfomance di circo contemporaneo e musica. In scena, 14/16 elementi: teatro delle ombre, tessuti aerei, trapezio, funamboli, trampolieri e musicisti.

L’anima perpetuamente in tempesta (29 marzo ore 21 – Quintoveda)
A cura e con compagnia Broken Dolls.
Un percorso introspettivo all’interno della vita di Amy Winehouse: ne verranno sottolineati il carattere, le debolezze, le dipendenze e la carriera della cantante.
Tre fasi importanti del suo percorso si intrecceranno tra di loro creando nello spettatore una discesa nell’anima dell’artista e di ciò che l’ha resa tale: dalla bulimia, il rapporto con la musica, la famiglia e la sua fame d’amore.
Fino alla decadenza del mito, a soli 27 anni, a seguito di una vita di abusi emotivi e fisici.
Un viaggio attraverso un’anima fragile, inconscia di tutta la bellezza che ci ha lasciato e che per l’ennesima volta va a toccare il come i rapporti che ci portiamo dietro fin dall’infanzia e dall’adolescenza possano formare il carattere adulto e le debolezze.
Lo spettacolo sarà interpretato da tre artiste donne, che si alterneranno e si uniranno sul palco mescolando arti come la danza, la musica (cantata e suonata), il teatro e la scrittura.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...