Precipitare nel teatro di Marina Sangiorgi

14963257_10153892541466360_8859209260645378115_nSabato 19 novembre ore 21.00, presso il Teatro Lolli (Via Caterina Sforza 3) di Imola Associazione culturale T.I.L.T. e Viaemiliaventicinque metteranno in scena
Precipitare nel teatro di Marina Sangiorgi (1972-2016), regia di Cristina Gallingani e Muriel Pavoni.

“Scrivi come Elsa Morante” le disse Davide Rondoni incoraggiandola a pubblicare il suo primo romanzo. Marina Sangiorgi comincia a scrivere da bambina ma pubblica i suoi primi racconti e saggi critici alla fine degli anni ’90. Si avvicina al teatro negli ultimi anni della sua breve vita. Ne apprezza il suono della parola detta. Nella serata si ascolteranno i testi scritti in occasione dei laboratori organizzati dall’associazione culturale Acqua di terra/Terra di luna e dai progetti promossi dall’associazione Viaemiliaventicinque che aveva contribuito a fondare.

Salva

Emidio Clementi a Quintoveda

emidio_clementi0

Lo scrittore e musicista Emidio Clementi sarà ospite di Quintoveda (Via Cavour 58, Imola) martedì 8 novembre dalle ore 21. Clementi, fondatore e voce dei Massimo Volume, ha esordito con la raccolta di racconti Gara di resistenza,a cui hanno fatto seguito i romanzi: Il tempo di prima, La notte del Pratello, L’ultimo dio, Matilde e i suoi tre padri, e la raccolta di racconti La ragione delle mani.

Dopo venti anni di attività ininterrotta, è considerato tra le figure di artista versatile più interessanti del panorama italiano, capace di raccogliere l’apprezzamento dei critici sia sul fronte musicale che letterario.

Chiacchiererà con lui la scrittrice imolese Muriel Pavoni.

Salva

T.I.L.T: eventi d’autunno

tilt

Riceviamo e volentieri pubblichiamo il calendario degli eventi ottobre-dicembre 2016 di T.I.L.T.

DOMENICA 2 OTTOBRE · ORE 21.00
Nidodiragno/Cooperativa CMC – Cooperativa Le Tre Corde
Prova aperta per “Non domandarmi di me Marta mia”
di Katia Ippaso
con Sara Bertelà
regia Stefano Randisi · Enzo Vetrano

SABATO 5 NOVEMBRE · ORE 21.00
Artisti Vari
Arte
regia Gian Marco Pezzoli · Marta Bedeschi

SABATO 19 NOVEMBRE · ORE 21.00
Ass. Cult. T.I.L.T. e Viaemiliaventicinque
Precipitare nel teatro
regia Cristina Gallingani · Muriel Pavoni
serata intorno alla scrittura teatrale di Marina Sangiorgi (1972 · 2016)

SABATO 10 DICEMBRE · ORE 21.00
Collettivo InternoEnki
Amoressia
Testo Federico Cervigni
Scrittura scenica e regia Terry Paternoster
Luci David Baritton
Liberamente ispirato alla storia di Thomas Beatie

LUNEDÌ 19 DICEMBRE · ORE 21.00
Associazione Culturale T.I.L.T
Eduardo
Esito del laboratorio teatrale su Eduardo De Filippo condotto da Marco Manchisi

Salva

Muriel Pavoni presenta “Veduta di pianura con dame” il 12 aprile a Quintoveda

veduta di pianura

Martedì 12 aprile, alle ore 21, nel teatro underground di Quintoveda (Via Cavour 58) a Imola, Muriel Pavoni presenta Veduta di pianura con dame (Edizioni La Meridiana, 2015), raccolta di racconti liberamente ispirati alle vite di dieci donne partigiane che dal 1800 hanno contribuito alla storia del nostro Paese in qualità di attiviste (come Giuseppina Cattani, Maria Goia, Maria Luisa Minguzzi), staffette (come Ida Camanzi, Maria Margotti, Benilde Verlicchi), artiste che non declinarono al loro ruolo di fare la resistenza (come Cordula Poletti e Sonia Micela) o, ancora, maestre (come Maria Maltoni e Giovanna Righini Ricci). Molte delle vicende di cui si parla sono geograficamente collocate in Romagna. A dialogare con l’autrice sarà la giornalista Carla Casazza.
La presentazione fa parte degli eventi proposti da
ENJOY YOUR TOWN festival di arti performative (http://eyt.imola.city/) che si svolge fino al 30 aprile 2016 nel centro storico di Imola con l’obiettivo di innescare una vera e propria epidemia culturale all’interno della città.

Muriel Pavoni, nata a Imola, lavora in un centro di formazione. Nel tempo libero si occupa di promozione della cultura e della scrittura. Nel 2011 è uscito il suo libro di racconti dal titolo La discarica degli acrobati sbadati, Giraldi Editore, è coautrice dello spettacolo teatrale a più mani Voci – immagini dal manicomio, T.I.L.T. 2012, e del romanzo collettivo Il libro delle vergini imprudenti, Navarra Editore, 2014.

Ritorno al giardino dei Finzi Contini. 100 anni di Giorgio Bassani

bassaniRitorno al giardino dei Finzi Contini. 100 anni di Giorgio Bassani.
A cura di Viaemiliaventicinque

In occasione del centenario della nascita di Giorgio Bassani (4 marzo 1916), l’autore
del Romanzo di Ferrara è ricordato attraverso la sua biografia, l’opera narrativa e poetica. Note critiche e letture dai suoi romanzi più noti tra cui Gli occhiali d’oro, Il giardino dei Finzi Contini, L’airone, Dietro la porta e Cinque storie ferraresi.
Introduzione critica e letture a cura di Corrado Dal Pozzo, Muriel Pavoni, Marina
Sangiorgi, Luigi Tranchini e Giorgio Zabbini, associazione culturale
Viaemiliaventicinque.

martedì 5 aprile 2016, ore 20.30

Enjoy Your Town: epidemia culturale dal 26 marzo al 30 aprile a Imola

EytLa seconda edizione del festival di arti performative Enjoy Your Town si svolgerà dal 26 marzo al 30 aprile 2016 nel centro storico di Imola.
La data scelta non è casuale ma si tratta del mese che intercorre tra la giornata internazionale del teatro (27 marzo) e la giornata internazionale della danza (29 aprile). Tra le novità di quest’anno, il fatto che gli eventi saranno ospitati anche in aree private (case, giardini interni…), una sezione dedicata alle arti terapie e la vetrina per gli emergenti nell’ambito di danza, teatro arte di strada e circense.
Il festival è organizzato da Panta Rei Associazione di Liberazione delle Arti e Quintoveda, realtà artistica e culturale situata nel centro storico di Imola.
L’obiettivo del festival è proporre una vera e propria epidemia culturale all’interno della città. Arti performative che si insinuano tra la gente e nei luoghi che essa frequenta. Una invasione non solo nei luoghi tradizionalmente preposti alla cultura, ma anche, e soprattutto nei suoi non luoghi, affinché le persone possano incontrare casualmente arte e cultura e se ne possono appassionare. Dove, ancora più casualmente, può iniziare il percorso culturale di qualcuno, dove si può sviluppare un principio di cittadinanza, di appartenenza e condivisione rispetto ad uno spazio.
Un’idea di città che diventa comunità, che condivide e cresce.

Tra gli oltre 100 eventi in calendario, che si possono consultare nel dettaglio al sito del festival, performance teatrali e di danza, workshop, presentazioni di libri, letture per bambini e per adulti e tanto, tanto altro.Continua a leggere…

Beatrice Monroy presenta il suo ultimo libro “Dido. Operetta pop”

arton142790Giovedì 4 febbraio alle ore 18.00 nella Sala del Consiglio Comunale (Piazza Matteotti) di Imola, Beatrice Monroy presenta il suo ultimo romanzo Dido. Operetta pop (Avagliano Editore). Dialogano con l’autrice Paola Lanzon e Muriel Pavoni. Letture a cura di Alessandro Mirri e Giacomo Gambi.

Il libro
Rivisitazione pop del mito di Didone.
L’invincibile forza del mito in una storia assolutamente moderna.

Alla morte del marito, Elissa è spinta dalla sorella Anna a lasciare la città, una città corrotta e sprofondata nella violenza. Le due si mettono in viaggio seguite da uomini e donne che, come loro, desiderano vivere in un luogo migliore. Così Elissa diventa Didone, l’errante, ma anche la Regina che fonderà una nuova città per il suo popolo, Cartagine. Durante la traversata s’imbattono in cadaveri galleggianti, sirene che gridano festose e malefiche arpie. Arrivano in Libia. Un vero e proprio sbarco tra i bagnanti inorriditi poiché vedono le promesse del loro pacchetto vacanze miseramente andare in fumo. In una notte di tempesta arriva Enea. Gli dèi ci mettono lo zampino ed Enea, condotto per mano da sua madre Venere, vera mamma mediterranea, seduce Didone ritrovandosi così in una storia d’amore che non lo convince. Ma arrivano i tempi dell’addio. Enea, come da copione, prepara in segreto le sue vele, senza dire a Didone che vuole abbandonarla. Lui non dà spiegazioni. Lei è perduta. Entra in scena la disperazione della Regina. Sembra che le cose si siano messe definitivamente male per Didone, ma è proprio a questo punto che la storia compie una brusca giravolta.
Un romanzo comico e visionario, brillante e fuori dagli schemi, che lega l’attualità che attraversa il nostro mare Mediterraneo e i temi della contemporaneità – gli sbarchi clandestini, la condizione della donna, il potere, i social media – alla potenza del Mito.
Una indimenticabile Didone, un po’ svampita eppure intensa, che sembra precipitare per caso negli eventi e che entra nel Mito con passo leggero. Un’indagine sul senso dell’essere donne e uomini oggi nell’Europa del Sud.

L’autrice
Vive a Palermo, è narratrice, drammaturga, autrice di testi radiofonici per RadioRai. Insegna drammaturgia alla scuola del Teatro Stabile di Palermo diretta da Emma Dante. Conduce laboratori di scrittura e narrazione. Ha pubblicato diversi libri, i più recenti: Ragazzo di razza incerta (2013), Niente ci fu (2012), Elegia delle donne morte (2011) e per Avagliano editore Oltre il vasto oceano. Memoria parziale di una Bambina (2013), libro candidato al Premio Strega 2014.