Chiudi

Quintoveda: il programma di febbraio

Carta e calamaio

Presentazioni di libri, reading letterari e tanta musica saranno tra i protagonisti del calendario di febbraio di Quintoveda(Via Cavour 58, Imola), lo spazio gestito dall’Associazione Panta Rei. Ma non mancheranno gli appuntamenti legati al carnevale per grandi e piccoli, l’arte, il teatro, gli aperitivi e persino un Nutella Day.

I lunedì dalle ore 19 aperitivo a tema , happy hour dalle 19 alle 20 e buffet.
Punti di vista / Percorsi d’arte e immagini. Una serata alla settimana dedicata al colore e allo sguardo dell’artista che sta dietro una fotocamera, una macchina da presa o con un pennello in mano. Tra contaminazioni e suggestioni varie, dalla pittura, al trucco, alla fotografia,al body painting.
6 febbraio ore 20: Fate e sciamane – Mostra delle opere di Rossella Brini. In collaborazione con il Circolo Amici dell’arte di Imola.
13 febbraio ore 20: Mostra fotografica delle opere di Nicholas…

View original post 846 altre parole

Gianluca Morozzi e Gli Avvoltoi presentano “Confessioni di un povero imbecille”

confessioni-di-un-povero-imbecilleMartedì 4 ottobre alle ore 21 a Quintoveda (Via Cavour 58, Imola) lo scrittore Gianluca Morozzi e Gli Avvoltoi inaugureranno la rassegna Non ricreare. Crea con la presentazione del libro+cd Confessioni di un povero imbecille appena pubblicato da Fernandel.
Moreno Spirogi e Nicola Bagnoli rappresenteranno la storica band bolognese proponendo uno show case e affiancando Morozzi sul palco del teatro underground.

«Eccomi qua. Dopo ventisei anni di carriera ho raggiunto l’equilibrio fallimentare perfetto. La fusione tra pubblico e band, con il pubblico e la band riuniti nella stessa macchina…»
A metà degli anni Ottanta un ragazzo bolognese di nome Cristian Cabra fonda con tre compagni di scuola una band di rock demenziale: nascono i Despero. Nel 1988, acquisito il nome d’arte di Kabra, si innamora dell’inconquistabile Sarah e trasforma il suo gruppo in una seria e rigorosa rock band. Nel 2016, dopo mille traversie, cambi di formazione, quattro cantanti, tanti dischi e pochi successi, Kabra e i Despero sono ancora sui palchi.
Come sempre, tante storie d’amore, di strade e di rock, con episodi ambientati nei vari momenti della carriera dei Despero: dai primi accordi alla rovinosa caduta dal ponte di un finto Titanic. Dall’impatto
con l’antagonista Tex al nuovo incontro con Zanna e Sarah. Dalla formazione a cinque a quella a due, chitarra e batteria. Da Lisa, la sosia bassista, a Elettra, chitarrista dalla mente a sette dimensioni.
In allegato al libro il cd audio Confessioni di un povero imbecille, il disco inedito della storica band bolognese Gli Avvoltoi, un’opera rock omaggio a Despero in cui i personaggi e le atmosfere del romanzo
acquisiscono una forma musicale.

Gianluca Morozzi è nato nel 1971 a Bologna, dove vive. Autore prolifico e estremamente generoso, ha pubblicato numerosi titoli con Fernandel e Guanda, a partire da Blackout (2004) e L’era del porco (2005).
Anche se si considera il peggior chitarrista del mondo, è il chitarrista degli Street Legal, una tribute band che omaggia Bob Dylan. Ha suonato nel cd Deviazioni, tributo a Vasco Rossi pubblicato in allegato al
Mucchio Extra, realizzando con Andrea Parodi e la Mama Bluegrass Band il brano “Brava”.
Conduce insieme a Moreno Spirogi il programma L’era del Moroz su Radiocittà Fujiko.

Il progetto musicale degli Avvoltoi nasce a Bologna nel 1985. Nel 1987 La Toast di Giulio Tedeschi pubblica il primo 7’’ con il titolo “Questa notte” contenente tre brani: l’inedita “Questa Notte” e le cover “Era un Beatnik” delle Teste dure e “Un uomo rispettabile”, la “Well respected” man dei Kinks. Nel 1988 esce il loro primo album “Il nostro è solo un mondo Beat” che diventa, in poche settimane, un successo della musica indipendente italiana, raggiungendo le prime posizioni nelle classifiche di cinque importanti testate musicali italiane.
Il 1989 porta un cambio quasi radicale di formazione e l’anno successivo esce “Quando verrà il giorno” un disco ben diverso dagli esordi, più maturo e ricercato, con venature di psichedelia, folk e proto-prog. Dal
1992 al 1994 escono “Sono un uomo” (7″ Destination X), “Hush” (12″ Vù Ballè Vù), “Quando vuoi scappare” (7″ Destination X) e la raccolta con materiale inedito dal 1987 al 1993 “Ora sai perché” (LP Destination X).
Anche la Sony Music, si interessa al gruppo ed inserisce il brano “Vorrei essere un vampiro” nella raccolta Dracula Compilation. Nel 2005 il gruppo con caparbietà e con indispensabili cambi di organico pubblica due singoli: il primo, “Gianni / Non Voglio Pietà”, per l’etichetta Teen sound; il secondo, I Capelli Lunghi / E Voi, E Voi, E Voi per la Skipping musez. L’anno successivo esce “L’altro Dio”, che vede la partecipazione di svariati ospiti/amici tra cui Cisco, Emidio Clementi, MCR, Velvet e il comico Giovanni Cacioppo,. Sul finire del 2010 esce l’ep “Manifesto Pop” che contiene quattro brani con riferimenti psichedelici e pre-prog, da cui il regista Pozzan seleziona “Illustrazione cantata da due generazioni oltremodo dissimili nel sognare” come colonna sonora del film I Giorni Di Ieri. L’anno
successivo esce il singolo “Moreno è impazzito” per L’Ansaldi Rec. Nel 2012 la Sonic Press di Oderso Rubini pubblica il libro+cd “Storia Di Un Gruppo Ridicolo”. Nel 2013 Dome La Muerte (CCM, Not Moving) partecipa non senza lasciare il segno, alla storia degli Avvoltoi e nel giro di pochi mesi escono due album per la GoDown, “Live Al Sidro” e “Amagama”, l’album che decreta la totale rinascita e la svolta definitiva di questo incredibile gruppo.
Attualmente la band è composta da: Moreno Spirogi – Voce; El Pannocchia – Chitarra; Nicola Bagnoli – Tastiere; Michele Rizzoli – Basso; Giampiero JP Palazzino – Batteria.

Continua a leggere…

Enjoy Your Town, il programma dall’8 al 12 aprile

Rock in love 2Terza settimana di eventi per la 2° edizione di ENJOY YOUR TOWN festival di arti performative che si svolge fino al 30 aprile 2016 nel centro storico di Imola.

Ricordiamo che l’obiettivo del festival è proporre una vera e propria epidemia culturale all’interno della città. Arti performative che si insinuano tra la gente e nei luoghi che essa frequenta. Una invasione non solo nei luoghi tradizionalmente preposti alla cultura, ma anche, e soprattutto nei suoi non luoghi, affinché le persone possano incontrare casualmente arte e cultura e se ne possono appassionare. Dove, ancora più casualmente, può iniziare il percorso culturale di qualcuno, dove si può sviluppare un principio di cittadinanza, di appartenenza e condivisione rispetto ad uno spazio.
Un’idea di città che diventa comunità, che condivide e cresce.Continua a leggere…

Enjoy Your Town: epidemia culturale dal 26 marzo al 30 aprile a Imola

EytLa seconda edizione del festival di arti performative Enjoy Your Town si svolgerà dal 26 marzo al 30 aprile 2016 nel centro storico di Imola.
La data scelta non è casuale ma si tratta del mese che intercorre tra la giornata internazionale del teatro (27 marzo) e la giornata internazionale della danza (29 aprile). Tra le novità di quest’anno, il fatto che gli eventi saranno ospitati anche in aree private (case, giardini interni…), una sezione dedicata alle arti terapie e la vetrina per gli emergenti nell’ambito di danza, teatro arte di strada e circense.
Il festival è organizzato da Panta Rei Associazione di Liberazione delle Arti e Quintoveda, realtà artistica e culturale situata nel centro storico di Imola.
L’obiettivo del festival è proporre una vera e propria epidemia culturale all’interno della città. Arti performative che si insinuano tra la gente e nei luoghi che essa frequenta. Una invasione non solo nei luoghi tradizionalmente preposti alla cultura, ma anche, e soprattutto nei suoi non luoghi, affinché le persone possano incontrare casualmente arte e cultura e se ne possono appassionare. Dove, ancora più casualmente, può iniziare il percorso culturale di qualcuno, dove si può sviluppare un principio di cittadinanza, di appartenenza e condivisione rispetto ad uno spazio.
Un’idea di città che diventa comunità, che condivide e cresce.

Tra gli oltre 100 eventi in calendario, che si possono consultare nel dettaglio al sito del festival, performance teatrali e di danza, workshop, presentazioni di libri, letture per bambini e per adulti e tanto, tanto altro.Continua a leggere…

Quintoveda: Omaggio ad Amy Winehouse in prima assoluta, John Dallas in concerto, il teatro di denuncia con Amorosi Assassini, Federico Paulovich drum clinic

Omaggio a Amy Winehouse3È molto denso e articolato il calendario che Quintoveda Compagnia arti performative e Associazione Panta Rei propongono fino alla fine di marzo: musica, teatro, laboratori per bambini e una prima assoluta martedì 29 marzo con L’anima perpetuamente in tempesta. Omaggio ad Amy Winehouse, la donna, l’uomo, l’artista a cura della compagnia teatrale Broken Dolls.

Sabato 19 marzo il pomeriggio dalle ore 17 è dedicato ai bambini dai 3 anni in su con la rassegna Intorno al Baobab che presenta Takabanda!, un laboratorio di costruzione di strumenti musicali con materiali di riciclo. Merenda e spazio giochi a seguire. In serata, invece, alle ore 21 MMi iMola presenta Federico Paulovich drum clinic. Evento a numero chiuso su prenotazione. Per info e prenotazionimmi.imola@gmail.com 329-5476881.

Domenica 20 alle ore 18:30 ancora musica, per Quintoveda Off, con il concerto acustico dei John Dallas. Aperitivo con birre artigianali di Top Of the Hops e buffet a cura di Pancake.

Martedì 22 alle ore 21 è dedicato al teatro di denuncia con Amorosi Assassini-Facciamo finta di niente dai… di Valeria Perdonò e con Marco Sforza. Uno spettacolo che fa riflette sul tema purtroppo molto attuale della violenza sulle donne.

Chiude il calendario di marzo, martedì 29 alle 21, la prima assoluta di L’anima perpetuamente in tempesta. Omaggio ad Amy Winehouse, la donna, l’uomo, l’artista a cura della compagnia teatrale Broken Dolls. Un percorso introspettivo, tra musica e teatro, all’interno della vita di Amy Winehouse

Tutti gli appuntamenti si svolgono negli spazi di Quintoveda (Via Cavour 58, Imola).
L’ingresso agli spettacoli è ad offerta libera con tessera ARCI (che è possibile fare direttamente in loco).

Continua a leggere…

Torna in cima